Realizzazione del progetto – Seconda fase

II FASE

ferr

  1.  Costituzione di GRUPPI DI LAVORO INTERPROFESSIONALI organizzati nell’ambito dei gruppi già operanti nella struttura (accoglienza, femminile, trattamento), ciascuno coordinato da un tutor individuato nell’ambito del gruppo misto
  2. Ciascun gruppo, a partire dai temi affrontati nella prima fase, attraverso una metodologia improntata alla ricerca-azione, ha elaborato un percorso condiviso ed  interdisciplinare di ricaduta sui ragazzi che prevede come  prodotto finale unico l’elaborazione di materiali in formato cartaceo (dispense elaborate dai ragazzi nel corso del percorso formativo) ed elettronico (chiavette USB)
  3. COSTITUZIONE CIRCOLO DELLA SALUTE E SICUREZZA E DELLA SICUREZZA
    E’ stato costituito, a cura dell’ IPM, costituito  dai rappresentanti di tutti gli attori (datori ...
Leggi tutto

Realizzazione del progetto – Prima fase

I FASE

  1. costituzione di un  gruppo misto formato da esperti [ASL (dott. Grisaffi, dott. Ciccarelli), INAIL (dott. Sciarra), DPL (dott. Rossi), UNIVERSITA’ DI TORINO (dott. Torre , dott. D’Errico, dott. Bruschi), MIUR (dott. Longhi), IPM (dott. Picco)] e da  esponenti delle professionalità presenti all’interno dell’ IPM oltre che dagli insegnanti membri delle commissioni sicurezza, della commissione salute e delle funzioni strumentali.
  2. il gruppo misto ha elaborato una check-list  per effettuare sopralluoghi presso le aree di  attività di lavoro  e di vita della struttura carceraria
  3. Sulla base della check list sono stati individuati i  fattori di rischio per la salute e la sicurezza   (biologico, chimico, fisico, organizzativo, strutturale ….)
  4. sono stati individuati gli...
Leggi tutto

Il progetto SICURIMPARIAMO

logoIl progetto, realizzato dal Comitato tecnico scientifico costituito da rappresentanti della Prefettura, dell’INAIL, dell’ASL, del DPL, dell’Università, dell’USR, dell’IPM,  ha avuto come scopo la promozione della  cultura della sicurezza e della salute negli ambienti di vita e di lavoro dei minori ristretti e degli operatori a loro contatto, poichè all’interno dell’IPM si svolgono anche attività scolastiche e di formazione professionale.

L’ attività di promozione, mediata dagli insegnanti e da tutti gli  operatori in contatto a vario titolo con i minori, è partita da un’analisi dei bisogni, esplicitati sia dal personale operante all’interno dell’Istituto Ferrante Apporti, sia dai minori stessi, per creare una cultura condivisa e partecipata rispetto ai temi  della preven...

Leggi tutto